mercoledì 26 agosto 2015

Paris, il signore dei piccioni.

20 agosto 2015


L'altro giorno mentre camminavo senza meta per il centro di Parigi, vicino al museo Pompidou, alzando gli occhi mi trovo davanti ad una bella scena.
Un uomo con una valigia colma di grano stava dando da mangiare ai piccioni, che subito sono accorsi in massa.
L'uomo come se nulla fosse con tutti quei piccioni che svolazzavano anche addosso a lui ha continuato il suo rituale mentre una folla curiosa e un po affascinata faceva foto o osservava.
Un continuo volare avanti e indietro dei piccioni che mangiavano ma in qualche modo sembravano abituati a questo incontro.
Il modo poi in cui passavano vicino a quel signore mi dava l'idea che tra loro vi fosse un legame.
Ho chiesto informazioni certa che non fosse la prima volta che l'uomo arrivava qui per dare da mangiare ( vietato qui ) ai piccioni.
Ho scoperto che Giuseppe é il nome di quell'uomo che fino a un attimo prima era solo una bella ed affascinante immagine di Parigi, una dei tanti scatti fotografici realizzati nella città, un attimo che i passanti avrebbero scordato a breve nonostante i sorrisi e la meraviglia che avevo visto sui loro volti.
Ho pensato fosse un clochard, uno dei tantissimi qui.
Invece è un italiano che vive qui dagli anni 70, che lavorava in banca e ora é in pensione.
Ma i vestiti parlano chiaro.
Scopro infatti che abitava nel bel quartiere centrale di Marais ma dato che dava da mangiare ai piccioni sulla finestra di casa lo hanno lasciato in strada, gli hanno dato una multa che ancora sta pagando e gli hanno portato via la casa!!!
Ora vive in macchina e sta perdendo anche la salute. Parigi è una città molto fredda e non solo in temperatura atmosferica.
Non avevo mai sentito la sua storia ma vorrei che qualcuno avesse lo stesso cuore con lui, come quello che lui ha con i piccioni.
Lui chiede solo di avere indietro la sua casa.
Ha 70 anni e ogni giorno fa il giro di Parigi e in diversi punti dal grano ai piccioni, circa 70 chili al giorno, pagati con la sua pensione.
Ma lui, dice, vuole solo la sua libertà.























Nessun commento:

Posta un commento