lunedì 17 marzo 2014

Cosa vedere a SANLIURFA Turchia

   
                                                        

                                                 
   
video
video
video


attimi di Sanliurfa



Ho recuperato dei brevi video fatti durante il mio viaggioa Saniurfa. 
Nell'antichità era Edessa, oggi in curdo viene chiamata Riha, dai turchi Urfa o come amano loro Saniurfa, che vuol dire la gloriosa Urfa. Turchia estremamente orientale, la parte che si dovrebbe definire curdistan turco, l'antolia sud orientale. Siamo vicino al confine siriano e alla città di Aleppo, solo 50 km ci separano. 
E' una città affascinante, dove la storia si intreccia con la leggenda e la tradizione. La chiamano anche la città dei Profeti, perchè dicono che Abramo sia nato qui in una grotta. Il fascino di Urfa rievoca vagamente quello siriano per l'architettura e le donne dai veli colorati. Famiglie tranquille che passeggiano e molti pellegrini.
All'interno della cittadella fortificata di epoca crociata tutto è in roccia color miele.

COSA VEDERE A SANLIURFA

A Sanliurfa si viene per ammirare la fascinosa CITTADELLA, al suo interno tutto è storico e sacro.
Si dice che Abramo naque qui, in una grotta. Oggi  la grotta di Abramo HAZRETI IBRAHIM HALILULLA che si trova all'interno della cittadella, è vicino alla moschea Mevlid Halil. E' meta di pellegrinaggio da parte di tutto il mondo islamico, sia Turchi che pellegrini dagli stati vicini. Per lo Abramo è Ibrahim un grande profeta. Entrando sono proibite le foto, ci si copre dalla testa ai piedi, si prega e si beve l'acqua sacra con una coppa comune. La grotta è divisa in due parti, uomini e donne in modo che i due ingrezzi e le due stanze siano separate. Ingresso una lira turca.

Sempre all'interno della cittadella storica vi è un bel parco verde, il parco Hizir Ibrahim Halilullah con alberi che offono ombra, piccoli caffè con tantissimi tavolini in cui si beve cay, una fontana dentro un laghetto in cui vanno persino piccole barche in legno. Il verde è molto curato e ordinato e piacevole per passeggiare o riposarsi all'ombra degli alberi. Bello il canale d'acqua che passa nel parco con ponticelli ed una grossa ruota.

Sulla collina ci sono i resti un castello risalente alle Crociate. Due alte colonne corinzie si ergono fiere verso il cielo dalle rovine e l'ennesima bandiera turca svolazza fiera verso cielo azzurro. Si arriva percorrendo una scalinata, bella la visuale durante il giorno e al tramonto.

La famosa PISCINA delle carpe sacre sorge vicino alla Moschea di Halil Rahman, pullula di pesci a non finire. Sono tantissime, grosse e affamatissime. In realtà ci sono due vasche rettangolari con le carpe BALIKLIGOL e AYN IZELIHA. E' proibito pescarle, una volta la pena era la cecità, oggi comunque non sfiderei mai un turco o un curdo toccando le loro carpe sacre, mangiano più di me. Le persone passano il giorno e la notte dando loro da mangiare. Degli ambulanti vendono questi piattini con il mangime e le carpe quasi saltano fuori dalla vasca per mangiare. Lo spettacolo è divertentissimo!
Le carpe sarebbero sacre perchè una leggenda racconta che Abramo, infuriato, distrusse le divinità pagane, recando così offesa all'allora Re Assiro Nemrud I, che decise come punizione per Abramo, quella di bruciarlo vivo nella pubblica piazza. Dio allora trasformò il fuoco in acqua e i carboni in carpe.
Girovaghiamo incuriositi per la cittadella e il suo giardino verde pieno di persone, famiglie e bambini festosi. 

Molto bella è la Moschea Rizvaniye con il suo minareto, il giardino all'aperto circondato da un madrasha su tre lati. Da sulla piscina delle carpe sacre. 

La vita di urfa è tutta qui, racchiusa nelle mura color miele nel parco verde con la piscina e le moschee. E' nelle famiglie che animano le vie di questa città. Da non perdere una visita della cittadella sia di giorno che di notte. La sera è molto piacevole passeggiare e ci sono molte famiglie per la cittadella, le moschee e la piscina delle carpe sotto la luna sono ancora più mistiche.
 
Un luogo magico è senz'altro il BEDESTEN caravanserraglio della città che fu tappa nella lunghissima via della seta ed ora è pieno di uomini ed anziani che sorseggiano cay giocando a domino. Qui si vendono ancora tappeti, sciarpe in seta e foulard.

Da non perdere è un giro per le vie del BAZAR, piccino ma autentico e non turistico. Venne fatto costruire nel XVI secolo da Solimano il Magnifico. Gustate il cibo da strada che fanno qui e perdetevi per le sue stradine.

 Per chi vuole immergersi ancora di più nella cultura c'è il Sanluirfa Muzesi, il museo di Urfa.


 -------------------------------------------------------------------


da vedere a Sanlirufa

il BAZAR

il CARAVANSERRAGLIO

 LA CITTADELLA all'interno della quale si trovano:
  - La grotta di Abramo
 - La pisicna delle carpe sacre
 - Le varie moschee del parco
 - Le rovine del castello sulla collina










 ----------------------------------------------------------------------


 nei dintorni c'è da vedere HARRAN per i resti e i trulli e incredibile tempio di Göbekli Tepe, uno dei siti più antichi della terra
 
questo è il mio post su harran      http://frammentidiviaggi.blogspot.it/search?q=harran


 -----------------------------------------------------------


il monte Nemrut Dagi con la tomba del re di commagene in cima

la bellissima cittadina sul fiume di Hasankeyf

la meravigliosa Mardin, città balcone sulla Mesopotamia









Nessun commento:

Posta un commento